Bupivacaina Fis - 10f 5ml 2,5mg/ (bupivacaina cloridrato)

PZN IT035246014
Производитель Fisiopharma Srl
Форма Раствор для инъекций
Ёмкость 0
Рецепт да
171.29 €

Аннотация


Посмотреть перевод в Google, Yandex, Bing

Formulazioni

Bupivacaina Fis - 10f 5ml 2,5mg/
Bupivacaina Fis - 10f 10ml2,5mg/
Bupivacaina Fis - 10f 5ml 5mg/Ml
Bupivacaina Fis - 10f 10ml 5mg/M

Categoria farmacoterapeutica

Anestetico locale.

Indicazioni

Bupivacaina si puo' utilizzare in ogni tipo di anestesia periferica: Infiltrazione locale tronculare, loco regionale; Blocco simpatico; Blocco endovenoso retrogrado e blocco endoarterioso; Peridurale, sacrale; Spinale sottoaracnoidea. Bupivacaina e' quindi indicata in tutti gli interventi di chirurgia generale, ortopedia, oculistica, otorinolaringoiatria, stomatologia, ostetricia e ginecologia, dermatologia, sia impiegata da sola sia associata a narcosi.

Controindicazioni / effetti secondari

Ipersensibilita' al principio attivo, ad altri anestetici locali dellostesso gruppo (tipo ammidico) o ad uno qualsiasi degli eccipienti. L' impiego di bupivacaina e' da evitare in pazienti per le quali sia accertato o presunto una stato di gravidanza. Sono stati riportati casi diarresto cardiaco a seguito dell'uso di bupivacaina per anestesia epid urale in partorienti; nella maggior parte dei casi, cio' e' avvenuto in seguito all'uso della soluzione allo 0.75%; pertanto l'uso di bupivacaina allo 0.75% va evitato nella anestesia epidurale in ostetricia. Tale concentrazione va riservata a quelle procedure chirurgiche in cui siano necessarie un alto grado di rilassamento muscolare ed un effettoprolungato. Il prodotto e' controindicato inoltre nel blocco paracerv icale e nell'anestesia intravenosa regionale (Bier Block).

Posologia

La bupivacaina e' solitamente usata in dosaggi minimi, variabili secondo le indicazioni, da 2-3 mg a 100-150 mg come indicato a titolo orientativo nella tabella: Blocco trigemino - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 1,5 ml 2,5/12,5 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 0,5/4 ml; 2,5/20 mg. Bloccoascellare - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 20/40 ml 50/100 mg; Conc. 5 mg /ml - Dosaggio 10/30 ml 50/150 mg. Blocco ganglio stellato - Conc. 2,5mg/ml - Dosaggio 10/20 ml 25/50 mg. Blocco intercostale (a) - Conc. 2 ,5 mg/ml - Dosaggio 4/8 ml 10/20 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 3/5 ml 15/25 mg. Peridurale - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 30/40 ml 75/100 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 10/20 ml 50/100 mg. Peridurale continua - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio si inizia con 10 ml poi 3-5-8 ml ogni 4 - 6 ore, a seconda dei segmenti che si desidera anestetizzare e dell'eta' delpaziente; Conc. 5 mg/ml - si inizia con 10 ml poi 3-5-8 ml ogni 4 - 6 ore, a seconda dei segmenti che si desidera anestetizzare e dell'eta' del paziente. Sacrale - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 15/40 ml 37,5/100 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 15/20 ml 75/100 mg. Blocco splancnico - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 10/40 ml 25/100 mg. Blocco simpatico lombare- Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 10/40 ml 25/100 mg. Blocco e.v. retrogra do - Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 15/25 ml 75/125 mg. Blocco pelvico - Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 20/30 ml 100/150 mg. Spinale subaracnoidea - Conc. 10 mg/ml - Dosaggio 2 ml 20 mg. Il dosaggio massimo per un adulto eper singola somministrazione non dovrebbe superare i 150 mg, corrispo ndenti a 30 ml della soluzione 5 mg/ml e ad 60 ml della soluzione 2,5 mg/ml; piu' in generale, la dose di sicurezza, sia per gli adulti sia per i bambini, che e' consigliabile non superare, e' di 2 mg/kg per singola somministrazione. Nella terapia antalgica protratta si impieganosolitamente dosi variabili da 0.25 a 1 mg/kg di peso corporeo; la som ministrazione puo' essere ripetuta 2-3 volte nelle 24 ore.

Interazioni

Non sono note interazioni con altri farmaci. Come gia' ricordato deve esse posta particolare cautela, nell'impiego del farmaco ove i soggetti da trattare stiano assumendo inibitori delle MAO o antidepressivi triciclici.

Effetti indesiderati

Si possono avere reazioni tossiche e reazioni allergiche sia all'anestetico sia al vasocostrittore. Fra le prime, dovute ad un eccessivo incremento dei tassi plasmatici di bupivacaina causato da un errato dosaggio o da manovre improprie, vengono riferiti fenomeni di stimolazione nervosa centrale con eccitazione, tremori, disorientamento, vertigini,midriasi, aumento del metabolismo e della temperatura corporea, e per dosi molto elevate, trisma e convulsioni. Nel caso venga interessato il midollo allungato, a causa della stimolazione dei centri cardiovascolare, respiratorio ed emetico, si possono manifestare fenomeni di sudorazione, aritmie, ipertensione, tachipnea, broncodilatazione nausea evomito. A carico del sistema cardiovascolare si puo' assistere ad una riduzione della capacita' di conduzione e di depressione della contra zione cardiaca. Si puo' instaurare anche uno stato ipotensivo secondario a vasodilatazione. Le reazioni allergiche si verificano per lo piu'in soggetti ipersensibili, ma vengono riferiti molti casi con assenza di ipersensibilita' individuale all'anamnesi. Le manifestazioni a car attere locale comprendono eruzioni cutanee di vario tipo, orticaria prurito; quelle a carattere generale broncospasmo, edema laringeo, collasso cardiocircolatorio, fino ad un quadro completo di reazione anafilattica.

Formulazioni

Bupivacaina Fis - 10f 5ml 2,5mg/
Bupivacaina Fis - 10f 10ml2,5mg/
Bupivacaina Fis - 10f 5ml 5mg/Ml
Bupivacaina Fis - 10f 10ml 5mg/M

Categoria farmacoterapeutica

Anestetico locale.

Indicazioni

Bupivacaina si puo' utilizzare in ogni tipo di anestesia periferica: Infiltrazione locale tronculare, loco regionale; Blocco simpatico; Blocco endovenoso retrogrado e blocco endoarterioso; Peridurale, sacrale; Spinale sottoaracnoidea. Bupivacaina e' quindi indicata in tutti gli interventi di chirurgia generale, ortopedia, oculistica, otorinolaringoiatria, stomatologia, ostetricia e ginecologia, dermatologia, sia impiegata da sola sia associata a narcosi.

Controindicazioni / effetti secondari

Ipersensibilita' al principio attivo, ad altri anestetici locali dellostesso gruppo (tipo ammidico) o ad uno qualsiasi degli eccipienti. L' impiego di bupivacaina e' da evitare in pazienti per le quali sia accertato o presunto una stato di gravidanza. Sono stati riportati casi diarresto cardiaco a seguito dell'uso di bupivacaina per anestesia epid urale in partorienti; nella maggior parte dei casi, cio' e' avvenuto in seguito all'uso della soluzione allo 0.75%; pertanto l'uso di bupivacaina allo 0.75% va evitato nella anestesia epidurale in ostetricia. Tale concentrazione va riservata a quelle procedure chirurgiche in cui siano necessarie un alto grado di rilassamento muscolare ed un effettoprolungato. Il prodotto e' controindicato inoltre nel blocco paracerv icale e nell'anestesia intravenosa regionale (Bier Block).

Posologia

La bupivacaina e' solitamente usata in dosaggi minimi, variabili secondo le indicazioni, da 2-3 mg a 100-150 mg come indicato a titolo orientativo nella tabella: Blocco trigemino - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 1,5 ml 2,5/12,5 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 0,5/4 ml; 2,5/20 mg. Bloccoascellare - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 20/40 ml 50/100 mg; Conc. 5 mg /ml - Dosaggio 10/30 ml 50/150 mg. Blocco ganglio stellato - Conc. 2,5mg/ml - Dosaggio 10/20 ml 25/50 mg. Blocco intercostale (a) - Conc. 2 ,5 mg/ml - Dosaggio 4/8 ml 10/20 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 3/5 ml 15/25 mg. Peridurale - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 30/40 ml 75/100 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 10/20 ml 50/100 mg. Peridurale continua - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio si inizia con 10 ml poi 3-5-8 ml ogni 4 - 6 ore, a seconda dei segmenti che si desidera anestetizzare e dell'eta' delpaziente; Conc. 5 mg/ml - si inizia con 10 ml poi 3-5-8 ml ogni 4 - 6 ore, a seconda dei segmenti che si desidera anestetizzare e dell'eta' del paziente. Sacrale - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 15/40 ml 37,5/100 mg; Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 15/20 ml 75/100 mg. Blocco splancnico - Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 10/40 ml 25/100 mg. Blocco simpatico lombare- Conc. 2,5 mg/ml - Dosaggio 10/40 ml 25/100 mg. Blocco e.v. retrogra do - Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 15/25 ml 75/125 mg. Blocco pelvico - Conc. 5 mg/ml - Dosaggio 20/30 ml 100/150 mg. Spinale subaracnoidea - Conc. 10 mg/ml - Dosaggio 2 ml 20 mg. Il dosaggio massimo per un adulto eper singola somministrazione non dovrebbe superare i 150 mg, corrispo ndenti a 30 ml della soluzione 5 mg/ml e ad 60 ml della soluzione 2,5 mg/ml; piu' in generale, la dose di sicurezza, sia per gli adulti sia per i bambini, che e' consigliabile non superare, e' di 2 mg/kg per singola somministrazione. Nella terapia antalgica protratta si impieganosolitamente dosi variabili da 0.25 a 1 mg/kg di peso corporeo; la som ministrazione puo' essere ripetuta 2-3 volte nelle 24 ore.

Interazioni

Non sono note interazioni con altri farmaci. Come gia' ricordato deve esse posta particolare cautela, nell'impiego del farmaco ove i soggetti da trattare stiano assumendo inibitori delle MAO o antidepressivi triciclici.

Effetti indesiderati

Si possono avere reazioni tossiche e reazioni allergiche sia all'anestetico sia al vasocostrittore. Fra le prime, dovute ad un eccessivo incremento dei tassi plasmatici di bupivacaina causato da un errato dosaggio o da manovre improprie, vengono riferiti fenomeni di stimolazione nervosa centrale con eccitazione, tremori, disorientamento, vertigini,midriasi, aumento del metabolismo e della temperatura corporea, e per dosi molto elevate, trisma e convulsioni. Nel caso venga interessato il midollo allungato, a causa della stimolazione dei centri cardiovascolare, respiratorio ed emetico, si possono manifestare fenomeni di sudorazione, aritmie, ipertensione, tachipnea, broncodilatazione nausea evomito. A carico del sistema cardiovascolare si puo' assistere ad una riduzione della capacita' di conduzione e di depressione della contra zione cardiaca. Si puo' instaurare anche uno stato ipotensivo secondario a vasodilatazione. Le reazioni allergiche si verificano per lo piu'in soggetti ipersensibili, ma vengono riferiti molti casi con assenza di ipersensibilita' individuale all'anamnesi. Le manifestazioni a car attere locale comprendono eruzioni cutanee di vario tipo, orticaria prurito; quelle a carattere generale broncospasmo, edema laringeo, collasso cardiocircolatorio, fino ad un quadro completo di reazione anafilattica.